Leggi la circolare della scuola    |  Vai al bando  (da Intercultura)  |  Iscriviti (da Intercultura)

In occasione dell’uscita del nuovo bando di concorso 2018-19 per trascorrere un intero anno scolastico all’estero (ma anche un semestre, un trimestre, un bimestre o 4 settimane estive) pubblicato da FONDAZIONE INTERCULTURA Onlus che offre 1.500 borse di studio totali o parziali a tutti gli studenti delle scuole superiori nati tra il 1 luglio 2000 e il 31 agosto 2003 (scadenza del bando: 10 novembre 2017) vorrei sottolineare l’importanza di una tale opportunità che può aprire la strada a un’esperienza formativa e didattica unica e indimenticabile. Lo studente vive in famiglia,  a stretto contatto con una cultura diversa dalla propria e diventa parte integrante di una comunità locale, frequenta un intero periodo scolastico all’estero, aprendosi a situazioni che, inevitabilmente, lo renderanno più autonomo, empatico, inclusivo: dovendosi confrontare con cultura, sistema scolastico e metodi di apprendimento totalmente diversi da quelli a cui è abituato, lo studente sarà più incline ad avere una mente aperta e positiva nei confronti degli altri, imparerà a conoscere i propri limiti e le proprie risorse e diventerà più consapevole delle proprie scelte.

Come auspica anche il MIUR che, a tale proposito, ha emanato una normativa apposita (Nota  MIUR n. 843 del 10 aprile 2013 e Nota MIUR n. 3355 del 28 marzo 2017),

l’esperienza di studio all’estero o, come indica il MIUR , la mobilità studentesca internazionale individuale diventa “parte integrante dei percorsi di formazione e istruzione”, ed è equiparata ai progetti di Alternanza Scuola Lavoro. La normativa regolamenta il riconoscimento di tale esperienza, ai fini della riammissione nella scuola italiana e dell’accertamento delle competenze acquisite e stabilisce che “gli Istituti devono favorire e sostenere la scelta dello studente e facilitare il suo rientro nella classe d’origine” e oltre alle conoscenze e competenze disciplinari, gli Istituti dovrebbero […] valutare e valorizzare gli apprendimenti non formali e informali nonché le competenze trasversali acquisite”.

Al termine del percorso di mobilità, infatti, lo studente torna in Italia con le valutazioni conseguite all’estero ed il lavoro svolto (descrizione del programma attestati di frequenza, pagella finale, certificazioni di competenze, titoli acquisiti, certificazioni/attestati di esperienze di alternanza scuola-lavoro, presentazione/colloquio sull’esperienza all’estero), materiale che verrà  presentato al Consiglio di Classe,  perché venga valutato e venga attribuito il credito formativo.

Per ricevere tutte le informazioni sui programmi, è possibile fin da ora consultare sul sito di Intercultura i recapiti dei volontari di 155 città in tutta Italia e l’elenco degli incontri pubblici organizzati sempre dai volontari di Intercultura.

UN PO’ DI DATI ( fonte: Osservatorio sull’internazionalizzazione delle scuole, 2016-17)

BENEFICI A BREVE TERMINE

  • RIENTRO A SCUOLA (su 230 ragazzi che hanno risposto a un questionario)
    • 25,1%  ha ottenuto un voto all’esame di Stato compreso tra il 91 e 100 e 100 e lode
    • 60,8% miglioramento della conoscenza della lingua straniera
    • 55,5% maggiore capacità di partecipare attivamente alle lezioni
    • 27,8% miglioramento del rendimento nelle materie umanistiche
    • 34,4% velocità nell’apprendimento
    • 18,9% miglioramento del rendimento scolastico in tutte le materie
  • COMPETENZE ACQUISITE DURANTE L’ESPERIENZA ALL’ESTERO
    • 87,7% maggiore indipendenza
    • 85,5% maggiore capacità di affrontare imprevisti e situazioni diverse da quelle conosciute
    • 79,7% spiccato senso critico
    • 64,8% capacità di problem solving
  • BENEFICI A LUNGO TERMINE
    • Su 900 studenti intervistati, la cui esperienza all’estero si è svolta tra il 1977 e il 2012:
      • 84% si è laureato
      • 83%   non ha avuto difficoltà a trovare lavoro o a cambiarlo
      • < 9%  tasso di disoccupazione complessivo (dati nazionali: =14% tra i 20 e i 54 anni)
      • < 2% degli over 34 anni vive ancora con i genitori (dato nazionale: =12%)
      • 90% si dichiara complessivamente felice (dato nazionale: = 67%)

A proposito di marcia in più… tra i vari personaggi di successo che da studenti approfittarono di questa esperienza all’estero con Intercultura, ci sono:

  • gli astronauti Luca Parmitano e Samantha Cristoforetti;
  • Diego Piacentini, Commissario Straordinario per l’attuazione dell’Agenda Digitale,
  • i giornalisti Maria Concetta Mattei e Oliviero Bergamini,
  • lo scrittore Antonio Scurati
 

Tags: , , ,