Ricordo ancora quando un mio carissimo amico,  uno dei miei primi Maestri, mi chiese di tenere un corso di Tablet a Tradate (Varese). Erano i primi giorni di settembre del 2014. “Augusto”, gli dissi “non ne ho mai visto uno”. La sua risposta fu immediata: “te ne procuro uno io e te lo porto”. Qualche minuto di ansia, ma dopo quasi trenta anni di algoritmi e quattro figli, e anche altro che qui non mi sento di raccontare, il mio cervello cominciò a frullare da solo e capì che sola non ero. Con Mariella, mia collega e amica da sempre, Mauro, mio amico e collega e una splendida quinta superiore  creammo una Comunità di apprendimento: “La fabbrica degli APPrendisti” appunto. Tutto nuovo per tutti, tutti sullo stesso piano,  tutti studenti e tutti prof .

Non ci siamo limitati a capire come funzionasse un tablet, abbiamo presto cercato di costruire App nostre utilizzando l’ambiente di sviluppo AppInventor messo a disposizione dal MIT.

Ricordo la mia prima App: “Il gatto di Marilù”. Visualizzava il bellissimo gatto della mia amica Marilù e se si “agitava” il tablet o lo smartphone il gatto miagolava.

…..

valigiaNon voglio annoiarvi con i miei ricordi, ho scritto queste poche righe per lasciare a tutti una breve introduzione ad AppInventor in italiano e in inglese. Quest’ultima è stata costruita durante l’Erasmus App2D@te.

 

Tags: , ,