Di cortesia ne abbiamo tanto bisogno!
Perciò il nostro Istituto ha organizzato la settimana della cortesia (per il calendario e il programma vai alla pagina dedicata).
Sorgono spontanee alcune riflessioni.
Chi è cortese?

E, soprattutto, nella società frenetica in cui viviamo, c’è spazio per esserlo?

La cortesia non è semplicemente avere “buone maniere”, ma anche una disposizione interiore all’ascolto, alla comprensione e al rispetto dei sentimenti e dei valori degli altri.
Far star bene gli altri.
Contribuire al benessere emotivo di quanti ci circondano, riducendo i conflitti, favorendo le relazioni interpersonali, promuovendo in generale una pacifica convivenza.

Questi dovrebbero essere valori condivisi da tutti!

Quanti “per piacere” oppure “grazie” diamo e riceviamo?
La gentilezza va coltivata.
Richiede un minimo impegno ed energia.
Sicuramente fa sentire meglio gli altri, con poco sforzo.

Così, se tutti, con un impegno collettivo, e non solo per una sola settima, decidiamo di mettere la gentilezza al primo posto nella nostra scala di valori, miglioriamo il clima che respiriamo quotidianamente, sia all’interno della nostra scuola, che all’esterno.

Ritrovare un valore quotidiano: la cortesia.