Da sinistra: Ferruccio De Bortoli (moderatore), Ignazio Visco, Jens Weidmann, Klaas Knot.

Conoscere e alfabetizzare i giovani all’economia è diventato un “must” per affrontare la crisi.

“Se pensate che l’istruzione sia costosa, provate con l’ignoranza”.

Firenze, 22 novembre 2018 – Questo è stato l’esordio di Andrea Ceccherini, del presidente dell’Osservatorio permanente giovani-editori nel presentare la quinta edizione di Young Factor e in effetti l’opportunità dei ragazzi a dialogare con i tre illustri ospiti, lo evidenzia.

Fa da moderatore l’autorevole ex direttore del Corriere della sera, Ferruccio De Bortoli, che pone diversi interrogativi di stringente attualità  sulle problematicità che sta vivendo il nostro paese.

Quello che emerge è la necessità di una maggiore integrazione tra i giovani, possibile solo con un incremento di esperienze come l’Erasmus e Intercultura a cui l’IIS FALCONE-RIGHI è particolarmente sensibile.

Si avverte una crescente diffidenza verso l’Europa ed è per questo necessario formare i giovani ad essere buoni cittadini che non solo sappiano gestire i propri risparmi, ma che sappiano in modo responsabile contribuire a politiche di corretti investimenti oltre a sviluppare una maggiore consapevolezza del rispetto delle regole comuni.

La scuola ha un ruolo fondamentale in questo processo di crescita delle conoscenze in ambito anche economico che non dovrebbero più riguardare solamente specifici indirizzi di studio.

Alla fine dell’incontro, quello che ho potuto constatare è che sono diversi i giovani che chiedono di avere strumenti di maggiore conoscenza in questo ambito, ma purtroppo gli investimenti sulla scuola come sappiamo, sono davvero troppo limitati.

Con tristezza apprendo che il nostro governo spende di più per gli interessi sui debiti pubblici che per l’istruzione!

E allora che siano più diffuse queste esperienze di incontro con importanti personaggi dell’economia internazionale. L’incontro si presenta infatti subito  con la partecipazione di tre “calibri” importanti: Ignazio Visco (Governatore Banca d’Italia), Jens Weidmann (presidente Deutsche Bundesbank), Klaas Knot (presidente Banca Centrale d’Olanda).

Quest’anno sono stata una semplice “uditrice”, orfana di studenti. Ma uscendo dal teatro al termine dell’incontro, osservando e ascoltando i commenti dei giovani, ho capito ancora di più la necessità di formare i ragazzi non solo nell’ambito delle ore curriculari, ma anche su conoscenze che la società di oggi “impone” di avere, per poter essere cittadini attivi e soggetti che compiono scelte responsabili solo se fondate su conoscenze.

Il nostro istituto, IIS Falcone-Righi di Corsico, promuove in questo senso diverse iniziative, basta visitare il nostro portale per averne la conferma.

Per riassumere in una frase:

saper sviluppare nei giovani studenti un PENSIERO CRITICO, migliorando la convivenza civile.

 

 


Approfondimenti

Austria e Olanda contro l’Italia

Brexit, dimissioni ministro Raab

Isolamento dell’Italia sulla manovra

L’Europa della difesa congiunta

Il valore della conoscenza